venerdì 30 novembre 2012

James Franco protagonista del prossimo Sundance Film Festival

Sono stati annunciati ieri i programmi delle sezioni collaterali del prossimo Sundance Film Festival, ormai storico festival del cinema indipendente creato e tutt'ora diretto da Robert Redford. Le sezioni in questione sono Spotlight, dedicata a film già presentati in altri festival, Midnight at Park City, riservata a thriller e film più controversi e New Frontier, che da spazio al cinema più sperimentale.



James Franco presenterà due progetti. Per la sezione Midnight, il documentario "Kink", da lui prodotto e diretto da Christina Alexandra Voros - che ha curato la fotografia di tutti i film di Franco dal 2010 a oggi - e per New Frontier, il film "Interior: Leather Bar", diretto da James Franco e da Travis Mathews.

"Kink" è un documentario sull'industria del porno, sul sesso e la sottomissione, filtrato attraverso gli occhi di porno-attori che lavorano quotidianamente nel capannone Armory a San Francisco, quartier generale della più grande compagnia di produzione cinematografica porno per il web, Kink.com.

"Interior: Leather Bar" è invece un progetto di cui abbiamo già parlato. Quel Cruising, presentato ad ottobre scorso a New York, nell'ambito del lancio del nuovo punto vendita di Costume National. Franco e Matthews hanno creato un finto dietro le quinte del film del 1980 "Cruising" di William Friedkin, che vedeva Al Pacino nei panni di un poliziotto sotto copertura in vari bar gay di New York per indagare su una serie di omicidi. Da quella pellicola furono tagliati 40 minuti di girato, per timore della censura. Proprio su quei 40 minuti si sviluppa il progetto di Franco e Matthews, con protagonista Val Lauren.

Se, come si prevede, verrà presentato anche "Lovelace", biopic sulla vita di Linda Lovelace protagonista del cult porno "Gola Profonda", James Franco, che nel film interpreta Hugh Hefner, avrà al Sundance ben tre film che hanno il sesso come tema principale. Chissà come la prenderà la Walt Disney Pictures, per conto della quale solo un mese dopo lo stesso Franco dovrà iniziare la promozione del film "Oz: The Great and Powerful".

2 commenti:

  1. Dei tre Kink è quello che mi incuriosisce di più. E credo comunque che la Disney non avrà motivo per biasimare JF: rispetto alla maggior parte dei suoi colleghi (registi compresi) in lui non c'è nessuna traccia di morboso o, peggio, di morboso compiaciuto... ;)

    RispondiElimina
  2. A me dispiace che non sia stato lui a dirigerlo. E dato che comunque era sui set KINK a riprendere, vorrei capire quale sarà il suo ruolo nel documentario ...magari intervista gli attori. Ricordo ancora il tweet di un attore che scriveva che James era in mezzo con la mdp e gli ha rovinato il "cumshot" ahah

    RispondiElimina