giovedì 24 luglio 2014

'The Sound and The Fury' fuori concorso al Festival di Venezia



James Franco e il Festival di Venezia: un'intesa che per nostra fortuna va avanti dal 2011, quando l'attore sbarcò al Lido con il film "Sal" — durante una affollatissima premiere di mezzanotte — titolo che inaugurava la sua nuova stagione da regista. C'è stato poi "Spring Breakers" di Harmony Korine e infine "Child of God", accompagnato da "Palo Alto" di Gia Coppola, durante l'edizione dello scorso anno. E' di oggi la notizia che Venezia 71, in partenza il prossimo 27 agosto, avrà ancora una volta tra i nomi protagonisti James Franco, che presenterà fuori concorso la sua nuova regia "The Sound and The Fury".

Tratto dall'omonimo romanzo di William Faulkner e ambientato nella contea di Yoknapatawpha, nel Mississippi, "The Sound and The Fury" narra la storia della famiglia Compson caduta in disgrazia nei primi decenni del ventesimo secolo. Nel cast del film oltre allo stesso Franco, sono presenti Scott Haze, Joey King, Ahna O'Reilly, Tim Blake Nelson, Jim Parrack e Keegan Allen

Il calendario del Festival non è stato ancora diffuso e vi terremo informati sulla data della proiezione.

Palo Alto: DVD R1 a settembre

Uscirà il prossimo 9 settembre per Peace Arch Trinity il dvd americano di "Palo Alto", già disponibile in pre-order su amazon. Ricordiamo agli interessati che il disco può essere letto dai lettori europei solo se region free. In Italia il film di Gia Coppola non ha ancora una distribuzione.

Of Mice and Men: da Broadway ai cinema



Per la prima volta nella storia di Broadway uno spettacolo teatrale arriverà nelle sale cinematografiche. Il titolo scelto è proprio "Of Mice and Men", diretto dalla vincitrice del Tony Award Anna Shapiro e con James Franco, Chris O'Dowd e Leighton Meester nel cast. Tratto da un romanzo di John Steinbeck, il revival della pièce ha debuttato lo scorso 27 luglio al Longacre Theatre di New York e chiuderà questa domenica, tra il plauso generale di pubblica e critica e una nomination ai Tony Award per Chris O'Down. A riprendere lo show, dal vivo, sarà la londinese NT Live durante uno spettacolo privato il prossimo martedi. National Theatre Live ha già portato al cinema numerose produzioni dello West End. Le date dell'uscita cinematografica verranno comunicate a breve.

mercoledì 23 luglio 2014

Of Mice and Men: foto dal backstage



Siamo davvero agli sgoccioli. Tra pochissimi giorni calerà defitivamente il sipario sulla produzione di "Of Mice and Men", che ha visto brillare James Franco e Chris O'Dowd in uno spettacolo apprezzato da pubblico e critica. Tra le celebrities passate al Longacre Theatre, anche Terry Richardson che ha diffuso qualche scatto dal backstage.

imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com imagebam.com


James Franco rilascia il test reel di 'Blood Meridian'



In occasione dell'uscita americana di "Child of God", James Franco ha rilasciato una ricca anteprima del suo nuovo progetto come regista, la trasposizione di "Blood Meridian", romanzo di Cormac McCarthy pubblicato nel 1985. Il video è un test girato circa quattro anni fa sulle montagne di Yosemite e vede come protagonisti Scott Glenn, Luke Perry, Mark Pellegrino e il fratello di James, Dave. Un girato che ovviamente non farà parte del film (di cui non si conosce ancora la data del primo ciak), ma che ci suggerisce lo stile e l'approccio a quel testo che lo stesso Franco definisce "infilmabile".


fonte VICE

martedì 15 luglio 2014

Anche Zachary Quinto ed Emma Roberts nel cast di 'Michael'



Zachary Quinto ed Emma Roberts si sono aggiunti al cast di "Michael", film prodotto, tra gli altri, da Gus Van Sant e dalla Rabbit Bandini Production di James Franco e Vince Jolivette e con protagonista lo stesso Franco.

Ricorderete di questo progetto che racconterà la storia vera di Michael Glatze, il reverendo del Wyoming omosessuale durante la sua adolescenza, tanto da fondare una rivista per giovani gay, ma che poi ha rifiutato la sua omosessualità, attribuendola ad una malattia e dedica ora la sua vita alla religione.

Quinto interpreterà l'ex ragazzo di Glatze/Franco, mentre Emma Roberts, già con James Franco nel recente "Palo Alto", sarà l'attuale compagna.

Il film sarà diretto da Justin Kelly.

James Franco dirigerà "Black Planet"



Nuovo progetto da regista per James Franco, che a settembre prossimo tornerà dietro la macchina da presa per dirigere l'adattamento del libro di David Shields uscito nel 1999, "Black Planet", definito "uno dei più bei libri sullo sport mai scritti".

Shields seguì la squadra dei Seattle Supersonics durante il campionato del 1994/1995 per osservare ed esplorare come, in uno sport prevalentemente di neri, i fan bianchi pensano, parlano ed entrano in relazione con eroi, corpi e capri espiatori di colore. E' un'analisi profonda e coraggiosa sulle problematiche razziali nello sport.

Shields, che comparirà nel film, insieme allo stesso Franco, il quale interpreterà anche uno dei personaggi, ha definito il film "un'opera di antropologia culturale costruita come confessione personale".

Siamo curiosi di vedere come verrà affrontato sul grande schermo un soggetto tanto delicato, ed elettrizzati nel vedere James alle prese con mondi e tematiche nuovi e lontanissimi da ciò che ha diretto finora. Vi terremo informati come sempre su tutte le novità.

fonte esquire

lunedì 14 luglio 2014

"The Long Shrift" Opening Night - After Party



Dopo le preview dei giorni scorsi, The Long Shrift ha debuttato ufficialmente ieri al Rattlestick Playwrights Theater. Alla prima è seguito un after party a cui hanno partecipato James Franco e l'intero cast (qui la gallery completa dell'evento)

Review della stampa: The Hollywood Reporter, Variety, The New York Times

domenica 13 luglio 2014

James Franco al Broadway Barks

Broadway Barks è l'evento benefico a favore dell'adozione di animali randagi che si tiene ogni anno nel cuore di Broadway, in Shubert Alley. Numerose star del teatro, e non solo, affiancano Bernadette Peters, fondatrice dell'evento, in una vera e propria maratona durante la quale vengono dati in adozione numerosi cani e gatti che provengono dai rifugi della città. Durante questa edizione, tenutasi ieri, ha partecipato anche James Franco. Totes Magotes il nome del gatto di cui è stato padrino.



(Foto di Jenny Anderson/WireImage)

domenica 6 luglio 2014

Franco's Summer Book Club



di James Franco

E' arrivata l'estate, così ho pensato di condividere con voi una lista di libri. Ognuno mi ricorda un momento della mia vita. L'estate in cui ho letto Moby Dick e l'estate in cui ho riletto Moby Dick... Spero che alcuni di questi libri lasceranno un segno anche in voi.

Zeroville di Steve Erickson

Il primo libro che vi consiglio è del professore della Cal Arts Steve Erickson. E' un incrocio tra Easy Rider, Toro Scatenato e Oltre il Giardino. E' la storia di un bizzarro montatore di talento con un tatuaggio di Montgomery Clift e Liz Taylor dietro la testa che naviga nelle acque della Hollywood degli anni '70. Qui i sogni diventano realtà—e la realtà assume la sostanza onirica del cinema.

Jesus' Son di Denis Johnson

E' la bibbia di tutti i Master in Scrittura Creativa. Queste storie intrecciate firmate Denis Johnson narrano di un ragazzo di nome Fuckhead che attraversa un percorso labirintico di droga, amore e morte. E' uno dei miei libri preferiti di sempre.

The Amazing Adventures of Kavalier and Clay di Michael Chabon

Ottima lettura estiva! Questo libro di Micheal Chabon ha vinto il Pulitzer e parla di due cugini adolescenti alle prese con la scrittura di un fumetto negli anni d'oro del fumetto per irrobustirsi le spalle in vista di una Guerra Mondiale. E' divertente, commovente e molto ben scritto.

Revolutionary Road di Richard Yates

E' il primo romanzo di Richard Yates e anche il suo capolavoro. Un marito e una moglie si fanno a pezzi a vicenda quando i loro più oscuri segreti vengono rivelati attraverso le parole di una prosa squisita. Date una lettura anche ad un altro suo libro, Easter Parade. E' un altrettanto godibile viaggio lungo un percorso molto molto triste. Parla di due sorelle in continua lotta con le cose della vita.

Far from the Tree di Andrew Solomon

Non è un romanzo ed è il seguito di The Noonday Demon, il libro sulla depressione che ha vinto il premio Pulitzer. Questo libro analizza molto bene i figli le cui identità sono "orizzontali", cioè che non le hanno ereditate dai loro genitori. Quindi abbiamo figli sordi, figli gay, figli criminali, figli autistici, figli con handicap mentali e sociopatici. Il padre dell'assassino di Sandy Hook ha chiesto a Solomon di farsi intervistare per il New Yorker dopo l'uscita di questo libro. Solomon fa un ottimo lavoro nel penetrare nelle profondità delle menti di tali individui e delle loro famiglie. Soltanto il suo profilo dei genitori di Dylan Klebold ne vale la lettura.

The Adderall Diaries di Stephen Elliott

Stephen Elliott è uno scrittore di San Francisco che per la maggior parte della sua carriera, ha utilizzato la sua infanzia e la sua personalità come materiale per la sua opera. Poi ha deciso di cambiare le cose e ha scritto di un processo per omicidio nella Bay Area sullo stile di Capote e Mailer, ma inevitabilmente la sua vita prende prepotentemente piede. La sua dipendenza da Adderall, le sue avventure sadomaso e il padre—che decide di diffamare e che litiga con suo figlio ogni volta che gli è possibile—tutto convoglia in questo suo personale A Sangue Freddo.

Il Canto del Boia di Norman Mailer e A Sangue Freddo di Truman Capote

Due libri che hanno definito un nuovo genere letterario che possiamo definire documentaristico o documentario creativo. Il modo in cui questi due scrittori trasformano persone reali nei più affascinanti personaggi letterari è sbalorditivo.

The Love Song of Jonny Valentine di Teddy Wayne

Questo romanzo parla di una giovane pop star tipo Justin Bieber che attraversa la pubertà nello stesso momento in cui prova ad affrontare una promettente carriera. Vita diventa carriera e carriera diventa vita per questo povero ragazzino in preda alla tempesta della cultura pop.

House of Leaves di Mark Z. Danielewski

Un tatuatore si trasferisce in un nuovo appartamento e trova un misterioso baule pieno di annotazioni di un uomo di nome Zampano a proposito di un film di un altro uomo, Navidson, in cui viene scoperto un labirinto sotto quella casa. In parte metacinema, in parte fantasy, in parte punk, in parte letteratura, House of Leaves più che un libro è un oggetto in cui sprofondare.

Reality Hunger di David Shields

Un altro libro che ha cambiato il mio modo di scrivere per la sua irremovibile insistenza sul riesaminare cos'è più vitale in letteratura: compattezza e realtà. Shields prova il suo punto di vista sia nella forma sia nel contenuto quando rifiuta la densità degli intrecci nella narrativa tradizionale.

Moby-Dick di Herman Melville

Un vero e proprio ibrido. E' la mia bibbia e non so nemmeno il perché—a parte il fatto che amo i personaggi, l'ambientazione, la sua rappresentazione della vecchia America e il modo in cui mescola finzione, documentario, dramma, epica e tragedia.

Chiedi alla Polvere di John Fante

E' la più grande ispirazione per Charles Bukowski e un'opera fondamentale per la narrativa di Los Angeles. Arturo Bandini è un personaggio che lascerà il segno nella mente di qualsiasi giovane artista sognatore, un'anima sensibile in un mondo rude.

@VICE, traduzione italiana Chiara Fasano