martedì 22 marzo 2011

Bruce Vilanch parla di James Franco agli Oscar

Lo so che ritornare a parlare di Oscar fa così "mese scorso" da rasentare la noia, ma giusto ieri il pingue autore storico dello show, Bruce Vilanch, un tipetto senza peli sulla lingua e sosia hollywoodiano di Claudia Vinciguerra, si è espresso sull'ultima edizione e, ovviamente, sulla chiacchierata conduzione di James Franco. Intervistato alla prima di "Priscilla, la Regina del Deserto", Vilanch ha dichiarato:

"Devo chiamare James Franco e dirgli che lo show è finito. Ancora non lo sa. Ha fatto un pisolino e si è svegliato in classe". Vilanch attribuisce la sonnolenta performance di Franco ad un'effettiva mancanza di sonno? "Aveva mille impegni e ci siamo visti solo il mercoledi prima della diretta di domenica. Ci sentivamo via mail, ma noi avevamo incontri giornalieri; c'era un team di sceneggiatori che scrivevano per lui, e se fosse stato da solo sarebbe potuta andare diversamente. Ma c'era anche Anne Hathaway a cui pensare, le cose cambiavano in continuazione e lui non c'era."

E ancora:

"Non credo avesse realizzato quanto fosse difficile la cosa finché non se l'è trovata davanti. Magari pensava fosse ... non lo so cosa pensava. Forse ad uno scherzo di arte concettuale e ha davvero voluto fare quello. Non era a suo agio. Le uniche persone che possono presentare uno show come gli Oscar, sono quelle che salgono su un palco ogni sera per dire 'Buonasera Signori e Signore, vi faremo divertire... ' O persone come Bette Midler che cantano e ballano tutta la notte raccontando storie."

Vilanch ha anche dichiarato di avere supportato la coppia Franco/Hathaway sin dall'inizio, quando venne proposta dai produttori Bruce Cohen e Don Mischer. "Dissi loro ciò che pensavo. Mi piacevano entrambi, li avevo adorati come presentatori del Saturday Night Live e questo significava che sapevano già tutto su come lavorare dal vivo, con poche prove, molte modifiche al copione e tanta pressione. E questo è circa la metà del lavoro in uno show come gli Oscar."

E sulle voci che James avesse assunto droghe?

"No, non era fatto. Ero con lui e non lo era. E gliel'ho anche chiesto, 'Sei fatto? Posso averne un po'? ' Ha risposto no ad entrambe le domande."

La risposta di James, contrariato soprattutto per quel "lui non c'era" non si è fatta attendere, ed è arrivata con un tweet (cancellato poco dopo, ma ovviamente catturato dal web) che diceva "Bruce mi hai deluso", accompagnato da questa foto:

"James ha fottuto gli Oscar. Credetemi, so cos'è la commedia. Voglio dire, andiamo, ho scritto per Bette Midler!"
 fonte nymag.com

10 commenti:

  1. Ma che idiota! E al 'signore' non viene in mente che forse le cose sarebbero andate un pochino meglio se non avesse scritto le battute meno divertenti e meno originali della storia della televisione?
    James e Anne hanno fatto un lavoro dignitosissimo e fatto del loro meglio per alzare il livello di una cerimonia moscia, banale e scritta male. Se volete comici scoppiettanti e che facciano ridere chiamate i comici, se volete attori giovani e talentuosi, quali James e Anne sono, scrivete per loro una cerimonia degna di questo nome. Se così fosse stato, se ci fosse stato del buon materiale, avremmo avuto uno show ai livelli del 2009 con Hugh Jackman. La gente proprio non riesce a prendersi le proprie responsabilità!
    Scusate lo sfogo, ma certe cose mi fanno arrabbiare!

    p.s. James, hai fatto male a cancellare il tweet!

    RispondiElimina
  2. Guarda Chiara, sfondi una porta aperta! Mi sono già espresso in merito (non so se hai letto i post), mentirei se mi dichiarassi pienamente soddisfatto da questa edizione, ma nemmeno io capisco chi ha sparato a zero sulla sua conduzione senza farsi delle domande. E' stata innanzitutto una serata con uno script povero e sconfortante che lasciava poco spazio ad entrambi e poi James su che cosa avrebbe dovuto brillare se non ha avuto nemmeno un momento da "protagonista"? Almeno la Hathaway si è esibita in "On my own", cosa che fa dimenticare una presentazione fatta di Woo-Oooh e nulla più!

    RispondiElimina
  3. Per non parlare dei saluti a mamma e nonna e del video sulle coppiette che parlano delle "loro canzoni", il che faceva molto televisione-italiana-spazzatura. Avrebbero potuto tagliare su queste cose piuttosto e inserire, chessò, il video di Grease, ad esempio, che invece era proprio bello e metteva in valore le qualità di entrambi.
    Secondo me James era parecchio arrabbiato.

    RispondiElimina
  4. E' quello che penso anche io. Il video-parodia iniziale (che mi è piaciuto) la dice lunga: questa doveva essere l'edizione "giovane" per attirare il pubblico "giovane", si voleva dare un taglio da SNL o MTV Movie Awards, ma non hanno avuto il coraggio di farlo fino in fondo. E' uscito fuori un pessimo ibrido

    RispondiElimina
  5. Totalmente d'accordo.

    RispondiElimina
  6. Io in parte concordo, in parte dissento.
    Partiamo da una premessa, anzi da due: adoro James Franco (tifavo per lui) e James Franco è un professionista. E in quanto tale in parte mi ha deluso per quel comportamento da adolescente ribelle. Suvvia, ti sei sentito tardito e ingabbiato e per questo hai deciso di boicottare lo show tenendo il broncio per oltre 3 ore di diretta e facendo foto con il cellulare? Cioè sera sul palco e mentre la hathaway parlava lui "giocava" con il suo telefonino. Non si fa, ecco.
    Poi invece concordo: il copione era pessimo, la scaletta era troppo rigida e lasciava poco spazio all'improvvisazione. Inoltre tutto sembrava così vecchio e stantio (il video iniziale faceva tanto MTV Movie Awards ma anche ricordava le edizioni condotte da Billy Cristal negli anni 90). Gli Oscar sono gli Oscar, non capisco perchè si debba rincorrere un format come il SNL o gli MTV Movie. Occorre lusso, prestigio, classe e ironia.
    Certo, forse se era così impegnato doveva rifiutare la conduzione, in 5 gg uan diretta di 3 ore e mezza non puoi gestire. Occorre creare un feeling di persona con il reparto autorale e con il partner. Certo che la colpa è soprattutto dei produttori che hanno voluto rischiare e hanno floppato miseramente.

    RispondiElimina
  7. Mah, diciamo che a me i cambiamenti non spaventano. Però le vie di mezzo sono terribili. A questo punto avrei preferito uno show completamente "snaturato", ma almeno apprezzabile nel suo corraggioso tentativo di cambiamento. Poi ovviamente la cosa può piacere o meno. Secondo me si può giocare col linguaggio televisivo senza però perdere quell'essenza che una manifestazione come gli Oscar si porta dietro. Quel video all'inizio era chiaramente piazzato lì per far credere al pubblico che la serata sarebbe stata tutta così. E devo dire che ci sono cascato anche io ahah

    RispondiElimina
  8. Così come i vari promo che erano davvero divertentissimi!

    RispondiElimina
  9. E se facesse uscire un documentario sugli Oscar con tutto quello che non abbiamo visto? Ne è capacissimo ahahah

    RispondiElimina
  10. Ci vorrebbe proprio!! =D

    RispondiElimina