domenica 22 aprile 2012

ESCLUSIVA: "James Franco Italia" intervista Val Lauren

Acclamato protagonista di "Sal", dove si è magnificamente calato nei panni dell'icona Sal Mineo, e artista dalla disponibilità disarmante, Val Lauren ha accettato di rispondere a qualche domanda per JAMES FRANCO ITALIA, sulla sua collaborazione con James e i suoi progetti futuri, inclusa la nuova versione di "A Streetcar Named Desire". Ecco cosa ci ha raccontato.



In molte interviste hai detto di conoscere James Franco da molto tempo. Com'è essere diretti da un amico? È più semplice o più complicato perché magari è più forte la voglia di fare un buon lavoro e non deluderlo? E com'è James Franco regista? 
Sì, conosco James da tanto tempo ormai, siamo amici e abbiamo lavorato insieme tante volte, il che ha aiutato molto quando abbiamo girato "Sal". Già ci fidavamo l'uno dell'altro, io rispettavo il suo lavoro e il suo gusto e lui il mio e si era già stabilita una linea di comunicazione naturale e priva di alcuno sforzo, così è stato davvero bello. James è un regista fantastico, rilassato e aperto e con una visione molto chiara su quello che vuole.
 
Il film è girato in modo molto singolare. La scena in cui tu e Jim Parrack state facendo le prove per lo spettacolo è di grande effetto. È stato difficile come sembra girare una scena così lunga, non solo a livello psicologico, ma anche fisico? L'avete ripetuta diverse volte prima del ciak definitivo? 
La parte con Jim Parrack è stata la migliore su cui lavorare. Era il primo giorno di riprese e, in quella scena delle prove a teatro, lui [James] ha creato un'autenticità tale da farci immergere immediatamente nella realtà di quel processo.
 
A proposito di teatro, confermi che la nuova versione diretta da James Franco di “Un tram che si chiama Desiderio” è interamente girata su un palcoscenico teatrale? Che influenza ha avuto questo aspetto sull'approccio al tuo personaggio, quello di Stanley, inevitabilmente entrato nell'immaginario collettivo per il modo in cui Kazan e Brando lo hanno costruito? 
"Streetcar" è stata un'esperienza eccellente, un ibrido tra una rappresentazione teatrale e un film vero e proprio. Lo "Stanley" di Brando è sempre stato e sarà sempre una delle mie interpretazioni preferite di tutti i tempi. Il trucco è stato lavorare sulla mia personale concezione di un ex militare che fa del suo meglio per provvedere e proteggere sua moglie e il figlio in arrivo. Tennesse Williams ha fatto qualcosa di eccezionale nello sviluppare questo personaggio.

A cosa stai lavorando al momento?
A breve dirigerò e reciterò in una nuova rappresentazione tatrale scritta da Scott Caan chiamata "No Way around but Through", con Scott Caan, Robyn Cohen, Bre Blair, Laine Kazan e me. Sarà prodotta da Garry Marshall e Mike O'malley. Iniziamo il 3 giugno al Falcon Theatre di Los Angeles. Sta prendendo forma ed è davvero qualcosa di special
e.

English version after the jump ...>>

Val Lauren, an astonishingly willing artist and the acclaimed protagonist of "Sal" in which he beautifully portrayed late actor Sal Mineo, accepted to answer to a few questions for JAMES FRANCO ITALIA. He spoke about his collaboration with James and his future projects, included the new version of "A Streetcar Named Desire". Here's what he told us.

In many interviews you've said that you've known James Franco for a long time. How is it to be directed by a friend? Is it easier or harder, because perhaps the will that you do a good job and don't disappoint him is stronger? How is James Franco the director?
Yes I have know James for a long time now, we have been friends and have worked creatively together many times so that only helped when we shot "Sal". A trust and respect for one another's craft and taste was already there and we had established an effortless line of communication so it was a really great time. James was fantastic as a director, relaxed and open with a clear vision of what he wanted to do.

The way the film is shot is very singular. The scene in wich you and Jim Parrack are doing the rehearsals for the play is impressive. Is it as difficult as it seems to shoot such a long scene, not only psychologically, but also on a physical level? Did you guys repeat it many times before getting it right?
The scene with Jim Parrack was a highlight to work on. It was our first day of shooting and he brought such a reality to the rehearsal that we slipped right into the reality of what that process was like.

Speaking of theatre, can you confirm that "Streetcar" was
entirely filmed on a theatre stage? Has this aspect had any influence on your approach to the character of Stanley, that is inevitably sculpted in our collective imagination in the way Kazan and Brando developed it?
"Streetcar" has been an excellent experience, a hybrid of a play and a film. Brando's interpretation of "Stanley" was and always will be one of my favorite performances of all time. The trick was to cultivate my personal understanding of an Ex military man that was doing his best to provide for and protect his wife and unborn child. Tennesse Williams knocked it out of the park when he developed that character.

And now, what's next?
Next I will be directing and acting in a new play written by Scott Caan called "No Way around but Through", starring Scott Caan, myself, Robyn Cohen, Bre Blair and Lainie Kazan. Produced by Garry Marshall and Mike O'malley. We open on June 3 at The Falcon Theater in LA. It is shaping up to be something very special. 

12 commenti:

  1. Val, thank you so very much for your kindness and helpfulness. I'm very curious about all those projects! :))

    Grazie Sonny, come sempre.

    RispondiElimina
  2. un attore di grande talento!

    RispondiElimina
  3. Ammetto di essere ignorante. Mi guarderò 'Un tram che si chiama Desiderio'. Di positivo, però, c'è che James fa in modo che io mi acculturi cinematograficamente. ;D
    Domanda: come avete fatto a contattarlo?

    RispondiElimina
  4. Un paio di mesi fa gli ho girato su Facebook il resoconto veneziano scritto da Chiara. Gli è piaciuto molto e allora ho colto la palla al palzo per proporgli una piccola intervista. C'è voluto un po', ma è stato gentilissimo e il risultato è tutto qui sotto i vostri occhi ;)

    RispondiElimina
  5. Ma grande Sonny! Ottima intervista! La prossima volta tocca a James? Haha.
    Val è eccezionale in Sal e sono molto curiosa di vederlo recitare in altri film, tanto più se sono diretti dal suo amico. Già a Venezia mi era sembrato molto carino e disponibile e questa intervista lo conferma. Grazie! :)

    RispondiElimina
  6. Hi Val! Sal is an incredible, emotional, and beautiful film, and you were great in there!

    RispondiElimina
  7. I don't know Val as actor yet, but I like what he said in this interview. He seems smart. I really want too see Sal <3

    RispondiElimina
  8. Non ci credoooooo!!!!!! Che sorpresa Sonny. Come hai fatto a contattarlo? Sai quando esce Sal in Italia?

    RispondiElimina
  9. Grazie a tutti!

    @Eva, magari. Prima o poi accetterà per sfinimento ahah

    @Elena, sul contatto ho risposto un po' più su ;) Mentre per quanto riguarda l'uscita italiana, prima il film dovrebbe trovare una distribuzione. Al momento non la ha e infatti è stato presentato solo nei Festival!

    RispondiElimina
  10. I haven't watched Sal yet, but I've read so many good reviews about the performance. Looking forward to see it. Thank you for this interview.

    RispondiElimina
  11. Great interview! Thank you

    RispondiElimina
  12. Good question. Rehearsals scene is amazing! Saw Sal at AFF :)

    RispondiElimina