sabato 29 ottobre 2011

L'intervista di ICON / ICON Interview

E con l'esclusiva intervista di ICON, rilasciata durante la Mostra del Cinema, chiudiamo per davvero la lunga parentesi veneziana (qui). Un vero e proprio vademecum al Franco pensiero, con riflessioni inedite, curiosi aneddoti e idee molto chiare su cosa volere essere. Ho selezionato per voi le risposte migliori.

"Il primo film che ho diretto, da ragazzino, parlava di un bimbo che scopre la morte quando viene a mancare il suo pesce rosso. A quel punto dice alla mamma: io non voglio morire. E lei: stai tranquillo, manca ancora tanto tempo. Ma lui, intelligentemente, non si tranquillizza neanche per sogno, Ecco, io sono così. Faccio tutto adesso perchè la mia vita è adesso."

First short I directed was about a child who finds out about death when his goldfish passes away. At that point he says to her mum: I don't want to die. And she says: don't worry honey, there's still plenty of time. But there is no way he, cleverly, is going to calm down. Well, I'm like this. I'm doing everything now because my life's now.

"Se un fulmine dovesse colpirmi in questo istante vorrei poter dire: "ok, salutatemi tutti, James Franco non ha rimpianti."

If a lightening had to strike me in this moment, I would like to be able to say: "okay, say good bye everyone, James Franco has no regrets. 



"Tutto ciò che guadagno lo investo nell'arte, nel finanziare progetti, colleghi, idee. Sa cosa mi ha detto una volta lo scrittore Jonathan Franzen, a proposito di questa mia capacità di tenere insieme mainstream e underground? Che sono il Lady Gaga della cinematografia."

All I earn, I invest it in art, in financing projects, colleagues, ideas. Do you know what the writer Jonathan Franzen once told me about my ability to keep together mainstream and underground? That I'm the Lady Gaga of cinematography.

"In analisi ci sono andato una volta, per circa un mese, per sconfiggere il senso di inadeguatezza che mi impediva di dirigere e di scrivere, e mi ha aiutato a sbloccarmi. Però divento sospettoso quando in analisi ci vanno le mie fidanzate: dopo un paio di mesi di solito mi dicono: "hei James, sai che c'è?, dovresti venire a farci due chiacchiere anche tu". Mi è capitato ben tre volte. E tutte le volte ho capito in quel preciso istante che la storia era finita."

I've been under analysis once, for about a month, to overcome the sense of unsuitability that prevented me from directing and writing, and it helped me to unlock myself. I become suspicious when my girlfriends go under analysis though: after a couple of months they usually tell me: "hey James, you know what? You should come and have a chat too". It happened three times. And every time I understood, in that very moment, that it was over.

"La faccia da bravo ragazzo mi ha procurato i primi successi sociali. A scuola ho vinto il premio per il ragazzo con il sorriso più bello del liceo. Ma in realtà, oggi, la maggior parte della gente dice piuttosto che ho sempre la stessa espressione da maledetto stampata sul grugno. La verità è che la mia faccia può fare un sacco di cose diverse."

The face of good boy got me the first social successes. At school I won the prize for best smile. But today, actually, the majority of people rather say that I always have the same expression of the damned printed on the snout. The truth is that my face can do heaps of different things.



"Sono consapevole di chi sono diventato, della mia posizione, e tento di non prendere vantaggio dall'influenza che ho sugli altri. Odio essere ascoltato per quel che sono e non per quello che dico."

I'm aware of who I've become, of my position, and I try not to take advantage from the influence I have on others. I hate being listened for what I am and not for what I say.

"Come dovrebbe intitolarsi la sua autobiografia? James Franco: il maledetto bravo ragazzo."

What would be the title of your biography? "James Franco: the damned good boy."


L'articolo contiene estratti dall'intervista di Raffaele Panizza per ICON
Traduzione @evaedmondo

24 commenti:

  1. Great job! Love it! :)

    RispondiElimina
  2. "chiudiamo per davvero la lunga parentesi veneziana" hahaha MAI! XD

    RispondiElimina
  3. Sul blog sì, anche se ormai è la ventesima volta che lo scrivo ahah. Cosa manca ormai,la testimonianza diretta di James? Provo a contattarlo per vedere se è disponibile :))

    RispondiElimina
  4. Io ho trovato su youtube un'intervista fatta a Venezia dal buon Guido Bagatta per radio 101. Non l'avevo mai vista fino all'altro giorno.

    Mi dispiace, ma la parentesi veneziana non si chiuderà maaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaai.

    Per chi, come me, non l'avesse vista, eccola qui: http://www.youtube.com/watch?v=F1ciXmaMxl4

    RispondiElimina
  5. Chiara! Ok che in quei giorni avevi altro a cui pensare, ma ti è sfuggito questo post?

    http://jamesfrancoitalia.blogspot.com/2011/09/james-franco-venezia-video-gallery.html

    :)))

    RispondiElimina
  6. Posso non leggerla qui? Ho appena preso il giornale e voglio godermelo tutto per bene sul divano ;-)

    RispondiElimina
  7. Mea culpa, mea culpa. Eh, già, in quei giorni avevo la testa persa in dolci pensieri...

    RispondiElimina
  8. @nefer, ti aspettiamo dopo per i commenti! ;)

    @chiara, ti perdono ahah

    RispondiElimina
  9. io non ci sono per una manciata di giorni ed esce il putiferio su di lui.. mah!!

    ma che intervista è?!?!?!?.. niente di nuovo sotto il sole .. facevano prima a mettere altre 4 foto e togliere l'intervista .. facevano più bella figura

    "il Lady Gaga della cinematografia" .. bleah! per me non è di certo un complimento:/

    RispondiElimina
  10. soledad estevez30 ottobre 2011 19:10

    I love the damned good boy.
    James Franco Italia thanks 4 for all the great news and updates on James!

    RispondiElimina
  11. DDOLL: UNA DONNA CONTRO. Ahah, dai non mi sembra un'intervista così pessima. Certo, dopo "Playboy" e "Days of Yore" è difficile che salti fuori qualcosa di davvero interessante, ma le risposte che ho selezionato sono degne di nota, secondo me. Il paragone con Lady Gaga, che piaccia o meno, non è poi così campato per aria, anzi mi chiedo se James conosca la "Haus of Gaga" :))

    @soledad, I'm glad you like the blog, thanks for following! :)

    RispondiElimina
  12. @sonny ahahah si sono abbastanza "bastian contrario"..
    senti sembrava una qualsiasi intervista vecchia tradotta in italiano U.U

    RispondiElimina
  13. Yee finalmente l'ho letta anch'io quest'intervista! Che dire, effettivamente non dice granchè di più di quello che più o meno si sapeva già, almeno le foto compensano però!
    C'è da dire che lui sa sempre come rispondere a dovere, anche se non condivido affatto quando dice che se fosse una donna userebbe tutte le sue armi per emergere. Eh no, caro Franco!! Qui mi hai deluso -__-
    Una domandina: che intervista è quella fatta a Playboy? E' reperibile su internet? Chissà di cosa parlava là... XD

    RispondiElimina
  14. Internet? Ma trovi tutto qui ahah, ecco il link:

    http://jamesfrancoitalia.blogspot.com/2011/07/james-franco-su-playboy-usa-agosto-2011.html

    Tornando ad ICON, quella frase non mi ha disturbato, ma forse perchè non sono donna e ho una sensibilità diversa dalla vostra su certi argomenti, però non credo si debbano fare troppe inferenze (tipo l'accusa di misoginia che ultimamente gli è stata mossa da molte fans) e soprattutto bisogna anche vedere con che tono l'ha detta nel contesto dell'intervista!

    RispondiElimina
  15. Ah, dimenticavo, PLAYBOY ITALIA di ottobre contiene la stessa intervista. Devo ancora prenderlo, ma nel caso farò degli scan per chi ha qualche difficoltà con l'inglese ;)

    RispondiElimina
  16. sta cosa della misoginia l'avevo letta pure io...ma ancora non ho inquadrato bene la situazione (so solo che adora scattare foto ai sederi femminili XD, ma non credo che conti)

    è vero che mi è rimasta in mente questa risposta ma al contempo mi ha fatto ridere

    RispondiElimina
  17. @sonny: non sapevo fosse stato accusato di misoginia! Porca miseria, ma la gente quando non sa cosa dire s'inventa di tutto, eh?!
    Comunque io non lo accuso di nulla, semplicemente non condivido la sua risposta. Me lo sogno di notte e tutto il resto, ma non è che condivida proprio tutto quello che dice e/o che fa. Ma ognuno è fatto a modo suo, spero che non sia un ragazzo perfetto, altrimenti sarebbe noioso XD

    Grazie mille per il link, ne sai sempre una più del diavolo su James ;-)

    RispondiElimina
  18. Sì, anche a me è sembrata un risposta ironica, ma a parte questo, si è parlato di misoginia per le foto di FLAUNT: avete presente le Polaroid? BAH!

    @nefer, di nulla! Leggila perchè merita :)

    RispondiElimina
  19. Davvero...James accusato di misoginia????Non la sapevo questa cosa!!!Cosi come non sapevo che a lui piace scattare foto ai sederi...xD!

    RispondiElimina
  20. Onestamente anch'io appena ho letto quella frase sono rimasta un po' male. Però Sonny ha ragione, bisogna vedere il contesto, bisogna vedere come il giornalista ha riportato quello che James ha detto. Si tratta di una frase secca senza alcun tipo di argomentazione.
    Accusarlo di misoginia è davvero troppo. Mi rifiuto di pensare che una persona con quel cervello e quella cultura abbia una concezione della donna di quel tipo.

    Comunque, piccolo aneddoto personale. Quando sono tornata a casa con il giornale in mano, l'ho poggiato sul tavolo della cucina. Mia madre si è girata, ha visto la copertina e senza né salutarmi, né fare minimamente caso al fatto che fossi entrata a casa, ha detto: "Minchia!" Vi giuro, sono scoppiata a ridere. Le è piciuta molto anche l'intervista. Ha continuato a citarlo per il resto della giornata.

    RispondiElimina
  21. Ahah grande la tua mamma Chiara...Hai Franco-ubriacato tutti anche tu in casa?!=)

    RispondiElimina
  22. Ops, non mi ero accorto degli ultimi commenti! Beh, io ho ancora in mente il racconto della madre di Chiara incazzata perchè ha fatto la fila invano per il red carpet di "N.Ray" e non ha visto James ahah

    RispondiElimina
  23. ahahahahahahah Non è stato un bel momento...^

    RispondiElimina