martedì 29 gennaio 2013

James Franco porta al cinema "Bukowski"



Sono iniziate il 22 gennaio scorso a Los Angeles per la regia di James Franco le riprese di Bukowski, adattamento del romanzo Ham on Rye (Panino al Prosciutto) dello scrittore americano Charles Bukowski. Franco aveva acquistato i diritti del libro nel 2009 e dopo una lunga fase di stesura della sceneggiatura, scritta a quattro mani con suo fratello Dave, come dichiarò in questa intervista, ha finalmente dato avvio al progetto.

Uscito nel 1982, Panino al Prosciutto è il terzo episodio del ciclo autobiografico di Bukowski, in cui racconta la sua vita sotto lo pseudonimo di Henry Chinaski, aperto da Post Office (1971) e proseguito con Factotum (1975) e Women (1978). Bukowski rivelò in un'intervista a Fernanda Pivano il significato del titolo del romanzo: «Il titolo è Ham on rye, "Sandwich di prosciutto su pane di segale". Capisci, tu dai un morso, io sono il prosciutto».

Questa la trama:

"In una Los Angeles periferica e prostrata dalla Grande Depressione, Henry Chinaski, adolescente ribelle, figlio di immigrati tedeschi, vive il suo apprendistato alla vita: la scuola, i piccoli furti, i giochi di strada, le risse, il baseball, l'iniziazione al sesso. Un apprendistato ruvido, duro, rabbioso, consumato all'insegna della disillusione e del rifiuto: dei valori del padre, delle amicizie fasulle, dei sogni giovanili. Ma allo stesso tempo Henry scopre la biblioteca pubblica e la compagnia impareggiabile dei libri, il conforto dell'alcol e la scrittura come unica strada verso l'autentica conoscenza di sé." (fonte IBS)

Da un articolo dell'Hollywood Reporter apprendiamo oggi che Tim Blake Nelson, alla quarta collaborazione con James Franco, interpreterà il padre di Bukowski/Chinaski, ma non sappiamo ancora chi farà parte del cast, né se James o Dave Franco si ritaglieranno dei ruoli.

4 commenti:

  1. io ho un pò di paura .. ho adorato troppo questo libro per essere felice di una trasposizione cinematografica...

    comunque l'attore scelto per interpretare il padre ci sta u.u...

    RispondiElimina
  2. Punti a favore: James e Dave fan sfegatati del libro e James ormai a suo agio nelle trasposizioni!

    RispondiElimina
  3. Fino ad oggi non è stato realizzato un solo film ispirato a Bukowski che possa essere definito "decente". Solo superficialità e stereotipi. Franco deve vendere per cui difficilmente farà qualcosa di buono.

    RispondiElimina
  4. Non sono daccordo. Finora il James Franco regista è stato tutto fuorchè commerciale, sia riguardo a cosa raccontare, sia per lo stile e il budget impiegato. Il suo è un cinema profondamente indipendente.

    RispondiElimina